HOME  |  PRESENTAZIONE  |  PERCORSO  |  LOGISTICA  |  CONTATTI
  English  Español
Media Partner
Rai Sport
SONO APERTE
Le Iscrizioni
   On-Line
Gentile Ciclista,
è ora possibile iscriversi alla GranFondo Terre dei Varano.
Come iscriversi
CONSULTA IL
Regolamento
   Ufficiale
Gentile Ciclista,
è disponibile il regolamento ufficiale aggiornato della manifestazione.
Consulta il Regolamento
IL TESTIMONIAL
Luca
      Panichi
Il ciclismo è un raggio di sole che ti rinfresca nel deserto
I FEEDBACK
Dicono di noi...
09/05/16 - Christian Barchi:
complimenti per tutto amico mio!!!! grandi come sempre
Guarda gli altri feedback
PREVENZIONE
Danno da
   Stress
Gentile Ciclista,
partecipa al progetto e riceverai gratuitamente i risultati dell'analisi del tuo DNA.
Risultati
 
Associazione Raffaello
 
Granfondo gemellata con:

La Granfondo Terre dei Varano è gemellata con Corsa per Haiti

Gran Fondo MTB 9 Fossi - Cingoli

Gran Fondo Diavolo in Versilia

Granfondo Stelvio Santini
 

Comuni partner della Fondo Terre dei Varano

Camerino

Camerino, in provincia di Macerata, si trova a 670 metri di altitudine, a cavallo tra le valli del Potenza e del Chienti e a poca distanza dai rilievi dei Monti Sibillini.
Camerino bandiera arancione Touring Club ItalianoLa posizione di dominio ha permesso alla città di mantenere per lungo tempo una notevole autonomia da tutti i centri di potere del territorio circostante, fin dai tempi dell’assoggettamento al dominio romano.
Per molti anni Camerino ha svolto un ruolo importante nella storia politica e culturale dell’Italia centrale, specie nei secoli in cui la signoria dei Da Varano governò la città, improntando l’attuale aspetto urbanistico e favorendo lo sviluppo dell’università che è ancora oggi uno dei fiori all’occhiello della città.

Guarda il video
Stemma Comune di Camerino
La conformazione urbana della città medievale è visibile anche ai giorni nostri. Di epoca medievale è anche la grande opera difensiva dell’Intagliata, fortificazione di circa 10 chilometri realizzata alla fine del XIV secolo.
L’attuale assetto di piazza Cavour è frutto dei lavori cinquecenteschi di rifacimento, dei quali è traccia evidente la statua di Sisto V.
Camerino - Teatro Filippo Marchetti
Teatro Filippo Marchetti
Il duomo è stato pesantemente colpito dal terremoto che due secoli fa rase al suolo gran parte della città, Camerino. Accanto alla chiesa si trova il Palazzo Arcivescovile, con i suoi portici e le sue forme rinascimentali. Al suo interno è possibile visitare il museo diocesano “Giacomo Boccanera”.
Il Palazzo Ducale è stato la dimora della signoria dei Da Varano, oggi è la sede dell’Università di Camerino. Dal cortile rinascimentale e dalle terrazze si gode di un bel panorama dei Monti Sibillini.
Prendendo l’Arengo, oggi corso Vittorio Emanuele II, a pochi metri dalla piazza si trova il Palazzo Bongiovanni con pregevoli stanze decorate. Oggi è la sede del Comune di Camerino. All’interno del palazzo si trova l’ottocentesco teatro Filippo Marchetti.
La chiesa di San Filippo, chiesa barocca, restaurata di recente, all’interno della quale è conservata la tela “Madonna e San Filippo Neri” di G.B. Tiepolo, si trova vicino alla chiesa di San Giovanni in Peschiera. Il complesso del Convento di San Domenico, edificato dopo il sacco svevo del 1259 nel borgo San Venanzio, ha subito nel tempo diversi cambiamenti d’uso.
Ora è sede della Pinacoteca e Museo Civico e del Museo Universitario di Scienze Naturali.
Cesare Borgia, il famigerato Duca di Valentino celebrato da Machiavelli, ha lasciato una significativa traccia del suo passaggio: la Rocca Borgesca.
Una passeggiata per i colli e la campagna che contornano Camerino può essere l’occasione per ammirare l’imponente opera difensiva che i Da Varano realizzarono edificando rocche, castelli, pievi e centri fortificati.
Camerino - Teatro Filippo Marchetti
Rocca Varano

Acquacanina

Stemma Comune di Acquacanina

Belforte del Chienti

Stemma Comune di Belforte del Chienti

Bolognola

Una leggenda popolare di tradizione orale, attribuisce la fondazione delle tre "ville" che compongono l’abitato del paese a tre esponenti dell'aristocrazia bolognese del tardo Medioevo: un Pepoli, un Bentivoglio ed un Malvezzi; costoro, dopo lungo peregrinare sarebbero giunti nel Camerte ed avrebbero ottenuto la concessione di questo lembo della vallata. Qui avrebbero fondato, uno per ciascuno, i primi tre nuclei abitativi da cui avrebbe poi avuto origine il paese di Bolognola, così chiamato per omaggiare la loro patria.
La cima più alta nel suo territorio, interamente compreso nel Parco Nazinale dei Monti Sibillini, è il Monte Rotondo, sotto la vetta del quale si apre l'inaccessibile forra dell'Acquasanta, con l'omonima e splendida cascata naturale. L'attuale centro abitato è ancora costituito nei tre nuclei nomitati dalla leggenda: Villa da Capo (Villa Malvezzi) a sud, Villa di Mezzo (Villa Pepoli) e Villa da Piedi (Villa Bentivoglio) a nord.
A Bolognola è possibile visitare il Palazzo Primavera a Villa da Piedi, uno dei più antichi edifici non religiosi del borgo, risalente al XVI secolo, con pareti e soffitti decorati e dove si effettuava la lavorazione e tintura di lane pregiate (si possiedono memorie di stoffe di lana scarlatta esportate in Inghilterra), attività svolta dalla famiglia Primavera.
Stemma Comune di Bolognola
Bolognola - panorama
Panorama
Il Palazzo Maurizi, sede comunale, con decorazioni realizzate nel 1824. Le stanze del lato posteriore del palazzo sono convenzionalmente individuate, in base alle loro rispettive decorazioni, con i nomi di Sala delle Sfingi (quella che funge da atrio del piano) a sinistra della quale si aprono la Sala della Creazione, e la Sala delle Meduse, mentre a destra di essa si susseguono, anch’esse collegate dall'infilata delle porte, la Sala di Giove e la Sala di Abramo. Le stanze prospicienti la facciata, più grandi delle precedenti, sono due: la Sala di Diana o Sala Azzurra ed il più ampio Salone dei Centauri.
Bolognola - vecchio mulino a pietra
Mulino vecchio
L'attuale Matrice di S. Michele (Villa di Mezzo) ha subito una completa riedificazione in stile neogotico, a seguito delle due catastrofiche slavine che colpirono il paese nel 1930 e nel 1934. Sono corsevate al suo interno due opere d’arte di grande importanza: la prima è un affresco staccato dalla diruta chiesa di S.Maria a Piè del Sasso raffigurante una Crocifissione, l’altra opera è una tavola firmata da Giulio Vergari da Amandola e datata 1519: si tratta di una delle più antiche raffigurazioni della Madonna del Rosario nelle Marche, commissionata all'artista proprio dalla Confraternita del Rosario. Palazzo Primavera - dipinto
Dipinto Palazzo Primavera
La chiesa di S. Nicolò (Villa da Piedi), la cui costruzione è collocabile tra la seconda metà del XVI e l'inizio del XVII secolo, conserva al suo interno un antico organo a mantici risalente al Settecento.
La chiesa S. Maria delle Grazie (Villa da Capo), dal punto di vista architettonico e decorativo, è la più notevole di Bolognola. L'anno della sua fondazione è riconducibile al 1630. All’interno troviamo varie decorazioni e statue in stucco che rappresentano una sorta di Biblia pauperum barocca, nonché un dipinto della Madonna con Bambino, datato 1824, del pittore camerte Luigi Spazza e due tele raffiguranti rispettivamente S. Maria Egiziaca e S. Macario Eremita. L’organo originario della chiesa risale al 1827.
E' anche visitabile un vecchio mulino a pietra risalente agli anni '20. Trattasi di un mulino di notevoli dimensioni che permetteva la macinatura del grano e del granturco non solo per il fabbisogno della popolazione di Bolognola, ma anche per gli abitanti dei paesi limitrofi.

Caldarola

Stemma Comune di Caldarola

Camporotondo di Fiastrone

Stemma Comune di Camporotondo di Fiastrone

Castelraimondo

Stemma Comune di Castelraimondo

Cessapalombo

Stemma Comune di Cessapalombo

Fiastra

Stemma Comune di Fiastra

Fiordimonte

Stemma Comune di Fiordimonte

Muccia

Stemma Comune di Muccia

Pievebovigliana

Adagiato in collina a 439 s.l.m., Pievebovigliana è un paese pedemontano dei Monti Sibillini, in parte compreso nell’omonimo Parco Nazionale, che costituisce un felice esempio dei tanti piccoli centri che costellano le campagne italiane.
Pievebovigliana ha un’origine antichissima: insediamenti, vasellame del neolitico, materiale fittile appartenente all’età del ferro, dimostrano che l’uomo primitivo scelse a sua dimora la valle del Chienti e dei suoi affluenti, tra cui il Fornace, da cui parte la storia del paese.
Nel suo territorio, le ricche testimonianze di ogni epoca storica si confrontano con la bellezza di una natura incontaminata, in un delicato scenario di armonia. Il fascino del territorio di Pievebovigliana, da sempre crocevia di popoli, si deve alla sua posizione mediana.
Stemma Comune di Pievebovigliana
Con i suoi torrenti, i suoi laghi e le ampie vallate, incastonate tra colli e monti, esso offre il tipico paesaggio di media ed alta collina che caratterizza il versante adriatico della dorsale appenninica.Da un lato si aprono le vallate che conducono alla fertile pianura marchigiana, dall’altro, risalendo a ritroso quelle stesse valli, si accede ai primi pascoli montani, preludio del peculiare paesaggio dei Monti Sibillini.
Pievebovigliana - panorama
Panorama
Chi arriva a Pievebovigliana, non può non risalire le suggestive vie e scalinate del castello, che costituisce il centro storico del capoluogo. Del castello, distrutto nel 1528, restano solo alcune costruzioni, mentre è ancora chiaramente leggibile l’antica struttura a forma di "vascello". Tra le case dell’insediamento, che conserva il suo impianto urbanistico medioevale, tutte ristrutturate, si aprono scorci pittoreschi e suggestivi. Nel cuore del centro storico, si trova la chiesa di Santa Maria Assunta con cripta risalente all’XI secolo.
Pievebovigliana - Castello di Beldiletto
Castello di Beldiletto
A ridosso delle antiche mura castellane si trovano i resti dell’antica gualchiera-tintoria, aperta nella prima metà dell’Ottocento, all’interno della quale venivano svolte le ultime fasi della lavorazione dei panni tessuti a mano.
Al capoluogo fa da cornice un paesaggio incantevole, che assume colori, atmosfere e aspetti diversi ad ogni stagione, ed è ricco di gioielli artistici ed architettonici collocati in vari punti del territorio:
la chiesa romanica di San Giusto dell’XI secolo (uno dei più importanti monumenti del romanico marchigiano); il castello di Beldiletto (costruito nel Trecento da Giovanni da Varano come fortificazione e poi trasformato in sontuosa villa rinascimentale nel secolo successivo da Giulio Cesare); la chiesa e il convento di San Francesco del XIV (che la tradizione vuole edificato sul luogo in cui San Francesco compì uno dei suoi miracoli); il ponte romanico di Pontelatrave del XIV secolo; la chiesa medioevale di San Giovanni dell’Isola con portico del XIV secolo; ville signorili e torri. Alle pendici del monte San Savino (nei pressi di Isola, Fiano e Valdelati), invece, si trovano i resti di antiche fornaci per laterizi, preziosa testimonianza dell’attività artigianale preindustriale, rimaste attive fino agli anni Cinquanta dello scorso secolo.
Tutta la storia economica, sociale ed artistica del territorio comunale, dall’età preistorica ad oggi, è ripercorsa nel piccolo ma interessante museo allestito all’interno del palazzo municipale. Disposto su due piani, esso è composto dal Museo Archeologico "Valerio Cianfarani", dal Museo Civico "Raffaele Campelli", dal Museo Storico del Territorio, dalla Raccolta Gino Marotta e dallo spazio espositivo dedicato a Filippo Marchetti, dalla Collezione di xilografie di Maria Ciccotti. Il Museo Archeologico raccoglie i reperti ritrovati nel territorio comunale, tra i quali si segnalano un vago antropomorfo in pasta vitrea di produzione fenicio-punica del IV secolo a.C. e una testina femminile in argilla, appartenente alla tradizione medio-italica del III-II secolo a.C.
Pievebovigliana - Museo Civico Raffaele Campelli
Museo Civico "Raffaele Campelli"
Tra le opere più importanti del Museo Civico sono da segnalare una Crocifissione di Cola di Pietro, una Madonna di Loreto con Santi di Simone De Magistris ed un San Sebastiano in legno intagliato del XV secolo. Nel Museo Storico del Territorio, attraverso documenti d’archivio, pannelli esplicativi e reperti, si ricostruisce la storia economica e sociale del territorio, con approfondimenti dedicati alla tessitura domestica e alla produzione artigianale di laterizi, attività tipiche del luogo. Una sezione particolare è dedicata alla storia aziendale della Distilleria Varnelli, che nasce proprio a Pievebovigliana nel 1868. La Raccolta Gino Marotta, uno dei maggiori rappresentanti dell’arte italiana contemporanea, si trova all’interno della Sala Consiliare da lui progettata e comprende un nutrito numero di opere, donate direttamente dall’artista, oggi cittadino onorario di Pievebovigliana. Lo spazio espositivo dedicato al grande compositore Filippo Marchetti (1831-1902) accoglie il fortepiano col quale il musicista ha scritto le sue opere più importanti, mentre nelle bacheche sono posti alcuni documenti originali (partiture, lettere autografe, libretti, ritratti e fotografie).
Pievebovigliana - Centro storico
Centro storico
Nella Collezione Maria Ciccotti, infine, è esposta l’intera produzione di xilografie, con i legnetti originali e i relativi strumenti di lavoro, di questa importante artista di Pievebovigliana, attiva soprattutto tra gli anni Trenta e Cinquanta del Novecento.
Animatrice culturale dell’artigianato locale, alla prof.ssa Ciccotti si deve anche la riscoperta della tessitura con telaio a mano, che oggi rivive nel locale laboratorio artigianale, dove si confezionano preziosi tessuti con la tradizionale tessitura su telaio con tecnica a liccetti, che vanta secoli di tradizione nel territorio comunale.
Molto ampia è l’offerta delle strutture ricettive e di ristorazione: agriturismi, country house, bed and breakfast e ristoranti, garantiscono accoglienza e propongono prodotti tipici locali durante tutto l’anno.
E chi desidera acquistare i prodotti alimentari caratteristici della zona, può rivolgersi ai negozi e ai produttori locali, che propongono "ciauscolo", tartufi, miele, formaggi, cereali, castagne e, naturalmente, Varnelli e Amaro Sibilla, che hanno reso nota Pievebovigliana a livello nazionale.

Pieve Torina

Stemma Comune di Pieve Torina

Pioraco

Stemma Comune di Pioraco

San Ginesio

Stemma Comune di San Ginesio

Sarnano

Stemma Comune di Sarnano

Sefro

Stemma Comune di Sefro

Serrapetrona

Stemma Comune di Serrapetrona

Serravalle di Chienti

Stemma Comune di Serravalle di Chienti